Blog dell'Efficientamento Energetico per le Aziende

Raffrescamento e riscaldamento uffici: come ridurre i costi?

[fa icon="calendar"] 1-dic-2017 11.00.00 / da Simone Ronca

Simone Ronca

riscaldamento-raffrescamento-uffici.jpg

Secondo l’EURAC la superficie totale degli edifici adibiti a ufficio presenti nella zona UE-27 è di circa 12,5 miliardi di m² di cui 1.126 milioni riscaldati e 846 milioni raffrescati. Il consumo medio stimato è di: 161 kWh/m² per il riscaldamento, 10 kWh/m² per la produzione di ACS (Acqua Calda Sanitaria) e di 22 kWh/m² per il raffrescamento. Il consumo di energia elettrica, invece, è di circa 39 kWh/m² annui.

La riduzione dei consumi energetici per gli uffici oggi avviene anche grazie ai sistemi di monitoraggio e controllo, così come è emerso dall’ultimo convegno Viessmann tenutosi a Modena lo scorso maggio. Ci sono ovviamente diversi modi per migliorare le performance energetiche, di seguito vedremo come Vodafone ha deciso di efficientare il proprio “Vodafone Village” grazie alla trigenerazione, alla condensazione e all’installazione dei un impianto fotovoltaico.

Raffrescamento e riscaldamento uffici: il Vodafone Village di Milano è tra i casi di efficientamento energetico più importanti

Il Vodafone Village, situato nel quartiere generale della Vodafone Italia a Milano, è un complesso progettato dagli Architetti Gantes e Morisi della società P.R.P con l’obiettivo di coniugare al meglio l’immagine architettonica moderna con soluzioni tecnologiche d’avanguardia per ridurre i consumi energetici.

L’imponente struttura si estende su una superficie di circa 67.000 m² ed è il risultato del recupero di un’ampia area industriale dismessa. L’area è composta da 3 edifici collegati tra loro tramite dei corridoi sospesi e l’intero sito diventa una sorta di “cittadella” ricca di comfort. Sono presenti, oltre agli uffici, anche delle aree comuni, come una mensa da 800 posti, 9 aule per la formazione e un teatro da 400 posti.

L’impianto termico installato da AS Ingg è composto da un gruppo di cogenerazione a metano da 3.354 kW con motore endotermico alternativo a ciclo Miller supportato da 3 caldaie a condensazione da 2.300 kW ciascuna. Questa scelta consente di raggiungere rendimenti fino al 95%.

A completare l’impianto c’è una centrale frigorifera composta da un assorbitore al bromuro di litio da 1.800 kW, oltre ad altri quattro gruppi frigoriferi da 2.000 kW ciascuno con inverter. Sulla parte superiore dell’edificio è stato installato un impianto fotovoltaico di 800 m², parte integrante di un giardino pensile.

L’intero complesso è alimentato da una centrale di trigenerazione ad alto rendimento, con potenza 3.354 kWel, 9.985 kWth e 7.800 kWf, che consente un notevole risparmio energetico, quantificabile in circa 1.000.000 m³ di gas naturale l’anno, pari a 2000 t l’anno di CO2 non immessa in atmosfera.

L’intera struttura è stata realizzata con uno speciale cemento fotocatalitico che neutralizza le sostanze inquinanti nell’aria mentre i 27.000 m² di superfici vetrate (il 90% dell’edificio) ottimizzano l’ingresso del calore e della luce attraverso un sistema di interazione con le radiazioni solari. In questo modo si può limitare il fabbisogno di energia per riscaldare e raffrescare gli ambienti e consentendo di illuminare gli uffici con la piena luce del sole.

Vodafone ha scelto la combinazione delle migliori tecnologie presenti sul mercato per efficientare il proprio “Vodafone Village”, ma esistono molte diverse combinazioni di prodotti altamente efficienti e in grado di aiutare le aziende a ridurre i costi energetici.

Scopri come efficientare al meglio la tua struttura nella guida gratuita alla sopravvivenza energetica per le aziende. Richiedi la tua copia gratuita in formato pdf per leggerla comodamente da PC, Smartphone e Tablet.guida sopravvivenza energetica

Categorie: Riscaldamento Uffici

Simone Ronca

Scritto da Simone Ronca

Laureato in ingegneria meccanica, con precedenti esperienze lavorative in aziende focalizzate nel settore della climatizzazione ed energie rinnovabili. Esperto in impianti in pompa di calore ad uso civile ed industriale. Fornisce supporto sia tecnico che commerciale alla rete di vendita e ai professionisti del settore. Responsabile di commessa per la parte industriale, tiene i contatti con la casa madre produttrice in Svizzera.