Blog dell'Efficientamento Energetico per le Aziende

Caldaia industriale: fai risparmiare la tua azienda

[fa icon="calendar"] 8-gen-2018 11.00.00 / da Lorenzo Benevento

Lorenzo Benevento

caldaia-industriale-risparmio-azienda.jpg 

Per migliorare le prestazioni di una caldaia industriale a volte bastano semplici accorgimenti. Scovare e risolvere quanto prima le cause delle inefficienze energetiche può evitare bollette salate e inutili sprechi di gas ed energia elettrica. Quelli che trovi qui sotto sono solo alcuni degli errori frequenti, riscontrati negli impianti industriali visitati dai nostri tecnici.

Per un’analisi più approfondita delle problematiche energetiche della tua azienda, e soprattutto per individuare le migliori opportunità di risparmio, ti consigliamo di contattare un Esperto di Gestione dell’Energia e richiedere un audit energetico specifico per la tua struttura.

Impianto industriale: come risolvere le inefficienze

Per quanto riguarda la centrale termica e gli impianti di utilizzazione del calore:

  • Verifica la presenza di incrostazioni

Uno strato di 1 mm di calcare può causare una perdita di efficienza anche del 10%, come se a ostruire il passaggio del calore ci fosse uno strato di ferro spesso 70 mm.

Esaminando lo scarico della caldaia è possibile notare subito l’eventuale presenza di particelle di calcare. Anche se queste non fossero visibili allo scarico non significa necessariamente che le superfici di scambio non siano incrostate. Meglio quindi affidarsi ad un tecnico specializzato: un semplice intervento di pulizia può garantirti una riduzione dei consumi di gas di circa il 5% per ogni millimetro di incrostazione asportato.

Nel processo di scambio del calore lato fumi possono invece verificarsi incrostazioni carboniose, soprattutto se la caldaia è particolarmente datata. Controllarne periodicamente lo stato e installare, se non sono già presenti, dei turbolatori ti permette di recuperare fino al 2% del rendimento.

In alcuni casi sostituire il generatore costa meno che continuare a eseguire interventi di manutenzione straordinaria. Soprattutto se si scelgono sistemi energetici efficienti che, oltre alla diminuzione dei consumi e conseguente riduzione dei costi, contribuiscono anche a diminuire le emissioni inquinanti.

 

  • Coibenta la caldaia

Rivestire la caldaia con un materiale isolante è molto importante per evitare perdite di calore dovute allo scambio termico con l’ambiente esterno. Nei generatori di vapore industriali utilizzati nell’industria lattiero-casearia l’isolamento è esteso anche alla cassa fumi, alle porte anteriori e agli allacciamenti idraulici.

  • Organizza gli orari di funzionamento

Spegni la caldaia quando non serve produrre energia termica. La riduzione dei tempi di stand-by può portare una notevole diminuzione dei consumi di gas e farti risparmiare addirittura il 35% sui costi in bolletta.

 

  • Controlla la portata delle pompe

Una portata di acqua eccessiva è spesso sinonimo di scorretto utilizzo dell’impianto. Una portata sovradimensionata anche solo del 10% può causare uno spreco di energia elettrica pari al 25%.

 

  • Assicurati del corretto funzionamento delle valvole di regolazione

Succede spesso che le valvole di regolazione oscillino continuamente tra la posizione di apertura e quella di chiusura o si chiudano solo apparentemente. Verifica che ciò non accada anche nel tuo impianto.

Sicuramente un corretto funzionamento delle valvole di regolazione o ancor meglio l’utilizzo di pompe a velocità variabile può portare notevoli benefici in termini di risparmi.

Anche le sonde di regolazione devono essere tarate in maniera corretta. La lettura anche solo di 1°C in meno rispetto alla temperatura reale può causare uno spreco di gas importante.

Per quanto riguarda, invece, la centrale frigorifera accertati che tutte le pompe di circolazione dei circuiti di acqua refrigerata a servizio di aree e processi che richiedono solo il riscaldamento siano spente. Ove possibile, e soprattutto nelle mezze stagioni, sfrutta il freddo gratuito dovuto alla bassa temperatura esterna o imposta gli impianti di condizionamento sulla funzione di free-cooling.

Questi sono solo alcuni dei consigli per eliminare gli sprechi energetici e migliorare le prestazioni del tuo impianto industriale. 


In alcuni casi, però, risolvere questi errori può non essere sufficiente per abbassare i consumi. Un intervento più articolato, come la sostituzione di parti dell’impianto o addirittura l’installazione di nuove soluzioni per l’efficienza energetica come le pompe di calore ad alta efficienza, le caldaie a biomassa e gli impianti di cogenerazione e trigenerazione, può portare maggiori benefici, sia in termini economici che di performance.

Non farti spaventare dall’idea di dover investire denaro per acquistare un nuovo impianto. Grazie ad agevolazioni fiscali e incentivi statali/regionali, oltre che al risparmio energetico assicurato da sistemi innovativi e altamente efficienti, i tempi di ritorno del tuo investimento saranno davvero brevi.

Per scoprire quali sono le migliori tecnologie presenti sul mercato, scarica la “Guida per la Sopravvivenza Energetica delle aziende”. Clicca qui sotto e ricevi la tua copia gratuita in PDF diretta nella tua casella e-mail.

guida sopravvivenza energetica

Categorie: Riscaldamento Industriale

Lorenzo Benevento

Scritto da Lorenzo Benevento

Ingegnere energetico laureato nel 2017, lavora come Energy Consultant presso Etanomics Italia Srl in stretta collaborazione con i maggiori player nel mondo dell’energia: Energy & Utilities e fornitori di tecnologie. All’attivo numerose diagnosi energetiche ai sensi del DL 102/2014 e studi di fattibilità a supporto di ingegneri senior.